Monthly Archives: marzo 2010

Ma quanto è bello andare in giro con le ali …

al Drive Range in Vespa

Web Site Vespa Club Italia

Segnalo il Vespa Club al quale sono iscritto dall’anno 2005:

Vespa Club “Il Gigante” matr. N°125

Presidente: Sig. Franco Benignetti

per informazioni,  potete scrivere al seguente indirizzo mail:

ilgigante@vespaclubditalia.it

Physical Computing

Arduino_UNO

Lo scopo del physical computing, è la progettazione di oggetti interattivi, che possano comunicare con gli esseri umani, usando sensori e attuatori, controllati da un comportamento implementato in forma di software ed eseguito all’interno di un microcontrollore.

Puoi effettuare il download dell’ultima versione del software per la progettazione hardware di prototipi, con i vari tipi di schede Arduino. clikkando sul banner sotto dal quale verrai indirizzato sul sito ufficiale di Fritzing.

“Clikka sull’ icona con la ” F ” qui sotto”

fritzingFritzing è un’iniziativa open-source per supportare i progettisti, artisti, ricercatori e appassionati a lavorare creativamente con l’elettronica  interattiva. Gli ideatori, hanno creato un software e un sito web nello spirito di sviluppare,  uno strumento che permetta agli utenti di documentare i loro prototipi, condividerli con gli altri, insegnare l’elettronica in una classe e creare un layout p.c.b. per manufacturing professionale.

Sul sito ufficiale sono disponibili le versioni supportate da Mac e Linux.

Fritzing_logo_(new)

|>——————————————————————————————————————————–<|

udoo_logo

Due aziende italiane Seco e Aidlab hanno raccolto attorno a sé ricercatori, studenti ed esperti per creare UDOO, una piattaforma open-source che unisce Raspberry Pi e Arduino. L’idea è di aiutare tutti a migliorare le proprie conoscenze e a esprimersi.

UDOO è un minicomputer che unisce Raspberry Pi e Arduino 2 in una piattaforma che può eseguire tanto Linux quanto Android, e che si presta a una miriade di usi diversi. Un piccolo gioiello che sta trovando finanziatori e sostenitori su Kickstarter, e che trova le proprie origini in un team per buona parte italiano.

Dietro a UDOO, infatti, ci sono SECO (Arezzo, azienda di progettazione harware) e Aidlab (Siena, Interaction Design), oltre a un team internazionale di esperti nei vari settori. Tutti uniti nel realizzare una potente piattaforma di prototipazione per lo sviluppo software e il design. È facile da usare in pochi passi potete cominciare a usarla e a creare i vostri progetti”.

UDOO

“UDOO è un computer con hardware aperto a basso costo, dotato di un processore ARM Freescale i.MX6 per Android e Linux, insieme all’ARM SAM3X dell’Arduino Due, tutto sulla stessa scheda”, si legge poi sulla pagina del progetto. La CPU può essere dual o quad-core (sono previste entrambe le versioni), e la piattaforma offre diverse connessioni I/O (SATA, microfono, cuffie, Ethernet, HDMI, etc.), nonché connettività Wi-Fi e Bluetooth. UDOO può gestire i video a 1080p con accelerazione hardware, ha un connettore dedicato alle videocamere e ospita il sistema operativo su scheda MicroSD, quindi è semplice passare da Android a una distribuzione Linux. Si può usare con l’alimentatore da 12 volt, oppure sfruttare il connettore dedicato alla batteria.

Dettagli tecnici a parte, UDOO è una piattaforma destinata ai cosiddetti “maker”: vale a dire quella categoria di persone (forse dovremmo parlare ormai di generazione) che vuole realizzare i propri progetti sfruttando le tecnologie potenti ed economiche che oggi abbiamo a disposizione. In questo senso, UDOO fa gruppo non solo con Raspberry Pi o Arduino ma anche, per esempio, con le stampanti 3D di Makerbot.

UDOO2

Non possiamo che fare i nostri migliori auguri agli autori di UDOO e al progetto stesso, che porta con sé un grande carico di valori positivi e stimolanti. Una storia che ci racconta, di nuovo, come in Italia ci sia il potenziale per fare grandi cose, con i studenti nelle scuole.

UDOO costa da 99 dollari in su, a seconda della versione scelta e di quanto si vuole sostenere il progetto. Gli autori ci hanno spiegato che i prezzi saranno gli stessi anche per chi vorrà comprarlo più avanti nel tempo, quando sarà maturo. Sui tempi di attesa in quest’ultimo caso, però, non si sa ancora nulla: l’unico modo di averlo entro pochi mesi quindi è “prenotarlo” tramite Kickstarter.